Modifica alimentatore PC ATX

Gli alimentatori per PC sono oggetti incredibilmente diffusi, e si trovano facilmente per pochi euro nei vari mercatini.

Sono incredibilmente stabili ed efficienti, e riescono ad erogare molta corrente con una piccola modifica

WP_001000Ecco come si presenta un alimentatore ATX una volta tolto il coperchio superiore.

Vi è una grossa matassa di fili, andiamo a capirne il significato in base al colore:

I cavetti gialli sono +12V

I cavetti rossi +5V

I cavetti neri sono la massa.

Di particolare importanza, è il cavetto verde

25094405

Questo cavetto, collegato a massa permette l’accensione dell’alimentatore. Quindi va saldato ad un qualunque cavetto nero.

Possiamo iniziare a tagliare tutti i cavetti superflui, in modo da sfoltire la matassa:

WP_001002

Come potete vedere, ho lasciato solo i gialli, i neri ed un paio di rossi.

I cavetti gialli andranno collegati tutti insieme, cosi come i neri.

I cavetti rossi(con relativa massa, cavetto nero) invece, andranno collegati ad una resistenza corazzata da 3,3 ohm.

Resistore_corazzato

questa resistenza, collega alla linea 5V, permette di avere un carico fittizio sull’integrato, in questo modo sulla linea 12V, verrà erogato la potenza massima disponibile.

WP_20150324_19_40_39_Pro

Mettiamo due boccole da pannello a cui salderemo rispettivamente i fili gialli per il positivo ed i neri per il negativo.

Il lavoro è finito, con pochi euro avete ottenuto un alimentatore stabilizzato a 12V di grande potenza.

WP_20150324_19_41_09_Pro

Per sapere dove reperire i materiali, o per qualunque informazione, non esitate a contattarmi.

Plafoniera led slim

In alcune applicazione è necessario lasciare inalterato il contesto in cui si lavora. Spesso una plafoniera a led, può risultare molto brutta esteticamente, per questo oggi vi propongo una soluzione quasi invisibile.

WP_001004

Anche se non sembra, sopra questi attrezzi vi è una plafoniera led slim da ben 10watt!!

Ecco come è possibile realizzarla:

WP_000964

iniziamo col tagliare una barra di alluminio della dimensione giusta. Utilizzando una speciale colla termica, andiamo ad incollare il singolo chip led sulla barra, facendo attenzione a lasciare i contatti sollevati.

La colla utilizzata è silicone termico, si può trovare in tantissimi shop online.

WP_000971

fatto questo, andiamo a saldare i fili dei led, avendo cura di isolare i contatti con della guaina termorestringente.

Per l’alimentazione ho utilizzato i soliti led driver, anche questi acquistabili presso tantissimi shop online, o fatti artigianalmente come questi.

Il risultato è spettacolare!

WP_001003

La luce è tantissima, la dissipazione assicurata, ed esteticamente non è stato intaccato nulla.

Per sapere dove reperire i materiali, o per qualunque informazione, non esitate a contattarmi.

Sonda temperatura caricabatterie LiPo

Molto caricabatterie LiPo hanno un’entrata per una sonda di temperatura esterna. Mi riferisco a CB come l’imax B6, l’accucel turnigy e tanti altri!

sonda2Oggi vi spiegherò come costruire questa sonda ad un prezzo ridicolo!

Quel che vi serve è un integrato LM35, ed un connettore per servocomandi maschio.

sonda

I nostri caricabatterie, hanno un’uscita a tre pin come questa:

sonda3

Il pin a destra è la massa, quello al centro il segnale e quello a sinistra l’alimentazione a 5V.

Basterà guardare nel datasheet i pin dello LM35 e collegarli nello stesso ordine. Il gioco è fatto!

Per qualsiasi dubbio o informazione, non esitate a contattarmi.