Conversione LED plafoniera neon

I led hanno invaso il mercato, i vantaggi sono notevoli e non sto qui ad elencarli.

Le plafoniera led, hanno però, dei prezzi spropositati, inoltre spesso bisogna smaltire le vecchie plafoniere a neon con ulteriore dispendio di denaro.

Oggi vi illustrerò come modificare una vecchia plafoniera a neon in una modernissima plafoniera a LED!

led4dhfhbfbh

Per prima cosa bisogna smontare la vecchia plafoniera e rimuovere tutti i componenti elettronici all’interno, ad esclusione al più dell’interruttore.

Fatto ciò, possiamo collocare all’interno il nostro driver led:

lamp2leggh

l’entrata andrà collegata alla tensione di rete 220V, magari via interruttore per comodità. Può essere fissato con delle viti, o ancora più semplice, incollato alla struttura metallica.

Sulla parte superiore, una volta rimosso il tubo del neon, possiamo installare i nostri led:

lamp3hfgfh

ho utilizzato delle semplici viti autofilettanti. In totale ho utilizzato 6 led da un watt l’uno collegati in serie.

In questo modo ho sostituito il tubo neon da 10 watt.

Per una conversione lumen/watt rimando a questo articolo.

Ecco il risultato:

lamp1leff

Per ottenere una luce a me gradevole, ho utilizzato 3 led a luce calda e 3 led a luce fredda, ma ovviamente potete utilizzare le gradazioni di colore che preferite!

 

Per qualunque dubbio o informazione, non esitate a contattarmi!

Controllare led da radiocomando RC

In campo modellistico si ha spesso la necessità di comandare l’accensione e lo spegnimento di un led tramite un canale del radiocomando.

Per chi non ha le necessarie conoscenze elettroniche, può essere davvero complicato, ecco perché vi propongo una soluzione facile, efficiente ed economica!

Innanzitutto vi serve un vecchio servocomando in disuso(oppure una cinesata molto economica). Non dovrete fare altro che aprirlo, togliere tutti gli ingranaggi ed uscire la parte elettronica con annesso il motore.

WP_000708

Il motore va dissaldato dai sui contatti, e dove era presenta uno dei contatti del motore (a vostra scelta) va saldato un filo.

Il circuito con i vostri led, sarà di questo tipo:

ledservo

Il positivo va collegato al filo da voi saldato, mentre il negativo va collegato al negativo della spinetta per la ricevente, il cavo nero per intenderci.

Non vi resta che collegare la spinetta originale del servo alla ricevente per controllare i vostri led da radiocomando!

Ovviamente l’esempio è solo con un led, ma potete collegarne quanti volete in serie/parallelo, basta rispettare tensioni e correnti in gioco. Una breve guida la trovate QUI. Un servo standard può erogare fino ad 1A di corrente e tensione uguale a quella del BEC utilizzato.

 

Per qualunque informazioni non esitate a contattarmi!

Sostituzione batteria avvitatore

Gli avvitatori a batterie hanno praticamente sostituito i normali trapani elettrici a filo.

362722

Sono incredibilmente comodi ma presentano un grosso svantaggio: la batteria.

La batteria di questi trapani tende a scaricarsi molto presto, se lasciata inutilizzata per molto tempo, si scarica da sola. Problema ancor più grosso, col tempo ed i continui utilizzi, la batteria si rovina e va sostituita, il prezzo si aggira solitamente intorno a 40€, cioè quasi quanto un avvitatore nuovo!

Vi illustro un metodo per modificare il pacco batterie originale in modo economico ed efficiente. Nello specifico ho modificato un pacco batterie NiCd da 9,6V e 1,4Ah.

Per prima cosa bisogna aprire con delicatezza l’involucro di plastica originale, bisogna svitare le eventuali viti presenti e tagliare le plastiche incollate. Ora è possibile rimuovere le vecchie batterie, e saldare due nuovi fili ai contatti dell’involucro di plastica.

WP_000106

Assicuratevi di rispettare il polo positivo col polo negativo.

La nuova batteria sarà una LiPo 3s da 2.2Ah. Come questa.

Andiamo a tagliare i connettore della batteria, quelli grossi per intenderci, e li colleghiamo ai fili saldati precedentemente con due diodi da 10A(minimo) in serie.

schemaavvitator

I diodi servono ad abbassare la tensione e come protezione per la batteria al litio.

Ecco come si presenta il collegamento ultimato.

WP_000111

Bisogna fare molta attenzione ad isolare per bene le varie saldature, magari con del buon nastro isolante o con della guaina termorestringente.

Il connettore piccolo della batteria, serve come dispositivo di sicurezza, infatti è possibile collegargli questo piccolo circuito chiamato lipo buzzer

WP_000107

Costa pochi euro e va collegato direttamente allo spinotto piccolo. Quando la batterie si scarica inizierà ad emettere un suono, cosi da farvi capire che è arrivato il momento di fermarvi e caricare le vostre batterie.

Il risultato finale sarà questo

WP_000112

Per ricaricare la batteria, dovrete utilizzare un apposito caricabatterie per LiPo, costa al massimo 10€ e vi durerà una vita!

Va collegato direttamente alla batteria, quindi dovrete sfruttare un terzo contatto del pacco batterie.

caricaavvitator

Con un paio di ore di lavoro, ed una spesa per i materiali di circa 20€, vi assicurerete una batteria a lunga durata. Non buttate i vostri vecchi avvitatori!

Per qualunque informazione non esitate a contattarmi.